West Nile Virus: sospese le misure di prevenzione dal 1 dicembre

A partire dal 1 dicembre 2019 sono sospese tutte le misure finalizzate alla prevenzione della trasmissione dell’infezione da West Nile Virus attraverso la trasfusione di sangue. La sospensione riguarda sia le misure adottate a livello locale che a livello nazionale. Il Centro Nazionale Sangue ha emanato una circolare nella quale viene sottolineata l’assenza di casi di malattia da circa il mese di novembre ad oggi. Sono quindi interrotti a partire da domenica 1 dicembre 2019 i provvedimenti messi in campo in precedenza.

Da tenere a mente per i donatori

Si ricorda che, per i donatori di sangue che hanno soggiornato anche brevemente negli Stati Uniti d’America e in Canada durante un qualsiasi periodo dell’anno corrente, si applica una sospensione dalla donazione della durata di 28 giorni. Per ulteriori informazioni sulle eventuali sospensioni dalla donazione a seguito di un viaggio all’estero si può consultare l’articolo “Il donatore viaggiatore” al seguente link.

Cos’è il West Nile Virus?

Per chi non si fosse informato in precedenza, il West Nile Virus è un virus messo in circolazione dalla zanzara comune notturna (Cluex pipiens). Le zanzare si infettano pungendo gli uccelli, e poi trasmettono il virus all’uomo quando lo pungono. La malattia infatti colpisce i volatili, ma si trasmette anche all’uomo che diventa ospite del virus. L’essere umano, in compenso, anche se infetto non può trasmettere il virus neppure per contatto diretto.

Nei periodi di maggior rischio contagio, il Centro Nazionale Sangue provvede tempestivamente ad allertare i Centri Trasfusionali e le sedi di Raccolta sangue. Come si legge dall’ultima circolare emanata,  l’assenza di nuovi casi nel mese scorso e l’andamento climatico stagionale hanno portato alla decisione di sospendere le misure preventive.